Le compagnie aeree dovrebbero essere tenute a compensare i passeggeri se il volo è in ritardo di oltre 30 minuti?

Sembra un problema del primo mondo assolutamente stereotipato. Sono così impegnato che non posso assolutamente essere soggetto a ritardi. No, le compagnie aeree non dovrebbero pagare i clienti per un ritardo di 30 minuti. Preferiresti davvero far pensare alle compagnie aeree che DEVONO partire in tempo? E se si verifica un problema meccanico? E se un fulmine rimbalzasse nei cieli? E se abbondasse? Avremmo lasciato le compagnie aeree fuori da quel pagamento se poi dovessero cancellare i voli? Inferno, anche le aziende di pizza hanno eliminato le garanzie temporali.

Freddo. Leggere un libro. Cancella email. Fai quello che vuoi. Se la compagnia aerea è regolarmente rimandata, ne vola un altro, viaggia, prende un treno o diamine, potresti persino ottenere la patente di guida e acquistare un aereo per volare da solo.

Ora, d’altra parte, se qualche compagnia aerea decidesse di commercializzarsi come in tempo era così vantaggioso da decidere di offrirlo come incentivo, sarei bravo a farlo.

Dopo solo 30 minuti? Questa è un’aspettativa non realistica, quindi la mia opinione sarebbe no.

Non ho problemi con le regole su quanto a lungo tenere i passeggeri a bordo di un aereo a terra senza consentire loro di spianare o spostarsi in cabina per soddisfare i bisogni umani, fornire cibo e liquidi, ecc.

Esistono diversi motivi per ritardare i voli, molti dei quali sono al di fuori del controllo della compagnia aerea. Molte delle ragioni causeranno effetti a catena in tutto il sistema del traffico aereo. Non puoi criticare le compagnie aeree per tempo, congestione, ecc.

Ovviamente no. Ci sono così tante variabili nel sorvolare sulle quali non c’è controllo, in particolare il tempo.